Lo scambio di coppia a Torino

Leggi l'articolo

Eccomi, mi presento: Marina, trentacinque anni, un marito e un lavoro di cui non posso lamentarmi. Sono una donna matura ancora in piena forma, fisico atletico, snello, curve femminili a punto giusto, un sedere che fa ancora girare gli uomini quando passo, Senza figli.

la mia vita sembra andare a gonfie vele, senonché da qualche mese a questa parte io e mio marito abbiamo iniziato a cercare nuovi incontri a Torino, la verità che la nostra vita di coppia è diventata noiosa e non abbiamo anche più la voglia di desiderarci sessualmente.

Ci vogliamo molto bene ma l’amore quello dei primi tempi è sparito la passione che ci univa una volta e letteralmente scomparsa, Ci sentivamo avviliti e in colpa, ma cosa potevamo fare? Non avevamo nessuna intenzione di mandare in frantumi il nostro matrimonio ed è così che abbiamo deciso di provare a metterci in gioco sugli incontri a Torino.

Essendo la prima volta per entrambi a provare una certa esperienza non sapevamo come comportarci di preciso. Fin da subito ho sentito nascere dentro di me una curiosità e un desiderio che pensavo di non provare mai più.

Subito ci siamo messi alla ricerca di coppie scambiste a Torino sul sito Incontriamoci. All’inizio non fu così facile se non si è dell’ambiente diventa difficile entrarci.

Dovette passere un po’ di tempo prima del nostro primo incontro. Siamo andati in un noto night del capoluogo piemontese sperando di conoscere qualcuno e di inserirci così nel giro. Eravamo preparati, avevamo chiamato per prenotare, ci eravamo messi in tiro, io indossavo un abito attillato e tacchi a spillo, mio marito invece un completo con tanto di cravatta

L’ambiente era un luogo molto raffinato e lussuosissimo era pieno di coppie molto distinte e raffinate e si vedeva che erano persone di alto borgo che sorseggiavano drink sui divanetti di velluto rosso, poi per un po’ sparivano e li vedevi ricomparire qualche tempo dopo.

Io e mio marito essendo la prima volta eravamo un po’ spaesati non sapendo bene cosa fare e come muoverci ce ne stavamo immobili con il bicchiere in mano guardandoci attorno pensando di rimanere cosi per tutta la serata.

Fino a quando non si è avvicinata una giovane coppia, entrambi ben vestiti e molto curati, erano a loro agio e si muovevano con disinvoltura, quella non doveva essere sicuramente la loro prima volta. Abbiamo chiacchierato un po’ del più e del meno di com’era l’ambiente di come ci sentivamo.

A un certo punto lui mi chiese se avessi voglia di seguirlo mi sentivo spaesata e non sapendo bene cosa rispondere cercai consenso nello sguardo di mio marito che con un cenno mi disse di sì.

Fu cosi che impacciata più che mai mi lasciai condurre in una stanza con un grande letto, mi ha attirato a sé mettendomi una mano sul culo e mi ha baciata, sapeva di tabacco e menta uno strano sapore ma piacevole.

Gli ho circondato il collo con le mani come un’adolescente mentre lui esplorava il mio corpo senza alcuna timidezza e in un attimo mi sono sentita avvolgere da un forte desiderio, avevo una incredibile voglia di fare sesso con lui quella stessa voglia che mancava da tempo con mio marito.

Abbiamo fatto sesso su quel letto in un club prive e mi sono lasciata andare con uno sconosciuto come non facevo da tempo, mentre mio marito si scopava selvaggiamente quella donna.

Quello è stato il nostro primo incontro a Torino, il primo di una lunga serie e devo dire grazie a quella coppia che siamo introdotti nell’ambiente. Adesso che sappiamo meglio come muoverci cerchiamo da soli i nostri incontri a Torino Non andiamo quasi mai nei club prive, ma frequentiamo più volentieri le feste di privati.